News Rivista — 12 dicembre 2013

L’idea non è nuova, si tratta anzi di una proposta avanzata già diversi mesi fa. Il costo dei libri rappresenta spesso un impedimento, una barriera per quanti vorrebbero acquistare e alimentare un mercato fatto di pochi acquirenti. Se poi si aggiunge la crisi a diminuire il potere d’acquisto dei consumatori, che, gioco-forza, decidono di risparmiare sul “superfluo”, ecco che i libri iniziano a diventare un “peso”, a prescindere dalla loro consistenza, per il bilancio familiare.

Per cercare di tendere una mano a un sistema, quello editoriale, che non smette di collezionare picchi di cali preoccupanti, macinando record su record, ma negativi, il Governo ha deciso di giocare una carta importante.

Sono in arrivo detrazioni fiscali per chi compra libri. Lo ha annunciato il ministro dello Sviluppo economico Flavio Zanonato. Questo ”per aiutare la lettura e le librerie, quelle che non appartengono a catene stanno particolarmente soffrendo”, ha detto il ministro nel corso di un question time in Senato.


Share

About Author

scrivendovolo

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.