Rivista — 04 maggio 2011

Le idee raccolte tramite una lista, un grappolo associativo o un flusso di scrittura devono essere ordinate in modo da costruire un discorso. In questa fase devo essere individuate e tracciate le somiglianze tra le idee raccolte in precedenza in modo da creare un filo logico tra di esse e organizzare la stesura del testo. Come per il processo di raccolta delle idee, anche quello di organizzazione può essere realizzato attraverso l’uso di tecniche e meccanismi. Nella prima fase le idee devo essere raccolte e suddivise in gruppi, ciascuno di essi viene poi suddiviso in sottogruppi costituendo una mappa delle idee. La mappa, che consente di rappresentare graficamente l’organizzazione delle idee, è una evoluzione del grappolo associativo. Con essa vengono arricchiti i legami tra gli elementi  e vengono gerarchizzate le idee. Nella mappa infatti le idee vengono collocate in maniera non più casuale, come nel grappolo, ma in base alla loro importanza. Le idee principali vengono dunque collocate al primo livello e selezionate accuratamente, da ciascuna di esse ne dipartono poi diverse formando dei livelli inferiori. A questo punto la fase della pre-scrittura si completa con la parte più delicata, ovvero la stesura della “scaletta”.

La scaletta, essendo il frutto dei processi precedenti, presenta le idee secondo un ordine e una gerarchia, in cui tutti gli elementi dello stesso livello sono allineati verticalmente sulla pagina. A volte è molto semplice strutturare la scaletta delle idee usando criteri generali sempre validi come:

il tempo: ovvero ordinare le idee in base al loro ordine cronologico

l’appartenenza: si possono creare famiglie di idee nelle quali a una idea principale sono collegate idee secondarie ad essa correlate.

la conseguenza: si possono strutturare le idee in base al meccanismo di causa ed effetto.

Al termine del lavoro si deve valutare se la scaletta prodotta risulti bilanciata, cioè se ciascuna idea sia stata approfondita e ramificata in maniera omogenea rispetto alle altre per evitare che vi siano idee poco sviluppate e dare vita ad un testo troppo schematico.

Share

About Author

admin

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.