News Rivista — 15 aprile 2013

Da alcune parti del mondo arrivano segnali talmente futuristici da apparire alieni per altre culture. Tra queste l’Italia, che leggerà tale news sul mondo dell’editoria convinta, sicuramente, che ciò di cui si parla non è affatto prossimo nel Bel Paese. Così ricopriamo nuovamente il ruolo della vecchia anziana impaurita e incapace nella rivoluzione tecnologica.

Il Canada detta le regole del gioco, e lo fa collaborando con i lettori.

L’azienda Sumbola ha ideato e lanciato la sua piattaforma di lettura sociale (social reading) basata su cloud. Nelle prossime settimane nascerà quindi la versione Beta di CoSI (Community of Shared Interest – Comunità di Interesse Condiviso).

Questa piattaforma di Social reading permette ai primi 200 autori selezionati di pubblicare le proprie opere online e di condividere il processo di realizzazione con i lettori. Questi ultimi infatti possono arricchire il testo con vari contenuti, migliorare  la forma, limare la struttura narrativa e linguistica, aggiungere video, foto o commenti. Il prodotto finale è un enhanced eBooks (letteralmente eBook aumentati, accresciuti, cioè eBook migliorati).

Un processo del genere è molto lontano dalla chiusura tipica del settore culturale.

Tutte le persone coinvolte nel nuovo sistema sono localizzate su una mappa; ciò permette la facilitazione dell’interazione tra gli utenti e quindi l’instaurazione di rapporti lavorativi e di interesse spesso impossibili per problemi geografici. La scoperta di affinità e gusti artistici simili può infatti generare sinergie vincenti.

Il mondo di chi vuole fare cultura inizia a collaborare attivamente, per ora, però, l’azione è confinata in Canada.


Share

About Author

scrivendovolo

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.