Rivista — 16 dicembre 2012

Immersi nella lettura può capitare di fermarsi; riprendiamo da capo una frase, poi lo facciamo ancora; il pensiero va in cerca dell’esperienza vissuta e che ora sembra finalmente tramutata in parole.

Quella è la frase che sottolineeremo, quella è la frase che genera affettività e non ci sentiamo più soli; perché riconosciamo nella narrazione una vita che potrebbe essere la nostra.

C’è chi scegli di tatuarsi la frase più bella del suo libro preferito, chi la lascia semplicemente sottolineata, chi la scrive su un muro, chi la dedica. Sono tutti modi perché la singolarità di quelle parole non si mescoli alla molteplicità di un romanzo.

Ma i poster di Evan Robertson sembrano rimanere la scelta più elegante. La collezione ora conta 32 pezzi, e probabilmente raggiungeranno i 50.

Il grafico e scrittore, nel suo studio a New York, crea dei poster letterari con le frasi celebri e delle illustrazioni grafiche in bianco e nero.

Non vi resta che: leggere, guardare e scegliere!

Sofia Di Giuseppe

Share

About Author

scrivendovolo

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.