News Rivista — 25 agosto 2013

È difficile familiarizzare con una novità quando questa non si presenta ancora con la sua forma definitiva ma continua a mutare e a migliorarsi. L’e-book sta tardando in alcuni casi a farsi accettare, mentre in altri ha già conquistato il consenso. Di certo non si può dire che sia un argomento noioso, per quanto se ne parli rimaniamo sempre un passo dietro al suo continuo sviluppo. L’ultima notizia in questo senso, infatti, vede protagonista Google, che si è cimentata nel brevetto di un e-book arricchito di funzioni e file multimediali per migliorare l’esperienza di lettura. Nulla di nuovo.

Questa tecnologia esiste già, lo standard EPUB3 supporta file multimediali, l’integrazione di Javascript e altre funzionalità di solito non presenti nella normale tecnologia EPUB. Una novità per niente nuova ma che sembra essere venuta a galla solo quando introdotta da un grande nome. Google ha voluto diffondere la notizia con forte enfasi: probabilmente si tratta di una strategia di mercato, visto che non hanno dovuto inventare niente che non esistesse già, oppure hanno davvero tra le mani qualcosa di straordinariamente più efficiente.


Share

About Author

scrivendovolo

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.