le interviste — 08 giugno 2015

Bookle.org è il nuovo progetto di Simone Berni, un sito che rende la reperibilità di un libro, qualsiasi libro, semplice e immediata. E lui comprende bene l’importanza di una ricerca efficace: Berni, non solo collezionista, ma anche cacciatore di libri rari, ci racconta i piaceri della bibliofilia e fin dove questa passione, un po’ insolita e un po’ folle, può condurre un uomo per trovare un’edizione… introvabile.

Ha lanciato da poco il sito Bookle.org, portale in cui il lettore può cercare il titolo di un libro ed essere indirizzato al canale di vendita che preferisce (amazon, ibs, ebay, comprovendolibri, ecc.). Quando e perché ha sentito la necessità di creare un catalogo di questa portata?

Da molti anni sentivo questa necessità. Tutte le volte che ero “a caccia” di un libro raro, per conto mio o per conto terzi, si presentava sempre lo stesso problema, ossia consultare febbrilmente i motori di ricerca di libri, gli aggregatori, i siti d’aste, gli annunci, i mercatini online, le librerie indipendenti “fuori dal sistema”. Alla fine il tempo impiegato era notevole, ed effettuare la ricerca approfondita di una ventina di titoli (una lista di desiderata, per esempio) portava via un intero pomeriggio. Tali operazioni, infatti, andavano compiute monotonamente daccapo per ogni singolo libro. Sentivo il bisogno di uno strumento unico, omnicomprensivo. Un sito (o un’app) che semplificasse all’osso la questione. Così ho pensato a uno strumento che fosse in grado di cercare un libro su gran parte del panorama web in un colpo solo. E ho pensato a Bookle.org, già un paio d’anni fa, quando ancora non avevamo deciso neppure il nome.

CONTINUA SU: http://www.cultora.it/intervista-a-simone-berni-il-cacciatore-di-libri-introvabili-crea-bookle-org/

Share

About Author

scrivendovolo

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.