News Rivista — 11 giugno 2013

Per prepararsi al fatidico esame di stato, all’agognata maturità, a quei giorni dopo i quali il mondo diventa un party sulla spiaggia c’è bisogno di studio, ma il cibo non è meno importante.

Il nutrizionista Giorgio Calabrese ha stilato un decalogo per la dieta del maturando su Skuola.net, che vi riproponiamo affinché una buona prestazione sia assicurata.

 

 

DIETA DI PREPARAZIONE AGLI ESAMI

 

1 – Studiare con lo snack: I break dallo studio sono consigliati sia a metà mattinata sia che nel pomeriggio. Infatti, mentre si studia il cervello brucia zuccheri e mangiare snack che contengano grano, mais, farro, orzo e segale lo aiuta a rifornirsi di amidacei.

2 – Non saltare mai la prima colazione: la colazione di prima mattina aiuta il cervello a non rimanere a corto di carburante nel bel mezzo dello studio.

3 – Non dimenticare la colazione dello studente: ogni maturando dovrebbe bere un bicchiere di latte insieme a fette biscottate con marmellata, miele oppure con un po’ di crema di cioccolato sempre abbinando frutta o succo di frutta o spremuta.

4 – Aprire lo stomaco “chius”»: la tensione e lo stress della Maturità possono far perdere appetito con facilità. Per combattere questo tipo di inappetenza bisogna bere una spremuta di arancia o un succo di frutta per aprire il piloro.

5 – Appagare il palato con il gelato: il gelato alla frutta, ricco di fruttosio, appaga il palato, disseta e fornisce l’energia che aiuta a studiare.

6 – Mangiare, ma senza ingrassare: non sono pochi coloro che per far fronte allo stress da studio masticano continuamente qualcosa. Per evitare di mandar giù qualsiasi cosa si può mangiare latte con i cereali, o qualcosa dal gusto buono, soffice, morbido senza conservanti particolari. In questo modo si appaga lo stomaco e il palato gestendo il senso di sazietà.

7 –  Non abusare del caffè: il caffè è un eccitante, berne troppi causa l’effetto opposto, ovvero la depressione.

 

I GIORNI DELL’ESAME:

 

8 – Non dimenticare di mangiare all’esame: alle 10:30 e alle 12:00 non possono mancare prodotti da forno, snack ai cereali o al latte, energetici e facile da digerire.

9 – Portare l’acqua all’esame: durante l’esame è importante bere per rendere le membrane cellulari più reattive. Accanto all’acqua meglio il thè del caffè, appaga il gusto e nutre subito il cervello.

10 – Ricordare di muoversi: l’attività sportiva attiva la tiroide e brucia i grassi in eccesso, aiutando cuore e cervello a lavorare meglio.

 

Le regole da seguire sono qui nero su bianco, non vi resta che scegliere cosa fare la notte prima degli esami!

 

 


Share

About Author

scrivendovolo

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.