Curiosità dal web Rivista — 29 agosto 2013

Dickens il sanguinario.

Dickens lo squartatore.

Dickens lo sterminatore.

O semplicemente un grande scrittore che ha composto interi capolavori narrando alla perfezione un tema tradizionale della narrativa: la violenza.

Ce lo ricorda una dettagliata infografica concepita –– non senza un certo humour nero –– da Melissa Symanczyk, dal titolo eloquente di Morte da Dickens.

original

Qui si trovano elencati tutti gli “omicidi” raccontati dal romanziere inglese nelle sue opere principali: per un totale di 53 persone… e due cani. “Casa Desolata” e “David Copperfield” spiccano come i più sanguinolenti, con ben sette decessi ciascuno, sottolinea la Symanczyk nella legenda. Che in più osserva – e lo si può facilmente constatare seguendo il grafico – come il percorso artistico di Dickens lo abbia progressivamente spinto a prediligere le morti per annegamento a quelle per impiccagione.

In grigio vengono indicate quelle per cause sconosciute, mentre la più originale, in classifica, è senza alcun dubbio il decesso per autocombustione di “Casa Desolata”, parodiata nella serie a cartoni americana “I Griffin”.

Le morti più terribili in genere – spiega l’autrice – spettano ai personaggi cattivi.

Share

About Author

scrivendovolo

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.