News Rivista — 10 marzo 2013

285.000 euro. La cifra esorbitante stupisce più per la funzione che per gli zeri, almeno per una volta peró la sorpresa sarà piacevole. Il 4 e 5 luglio scorsi in occasione del Dig.It 2012 di Firenze, l’assessore alla cultura Cristina Scaletti aveva avanzato la proposta di stanziare una somma di denaro per le piccole e medie case editrici digitali locali. La Regione Toscana ha ben accolto l’idea facendo partire il progetto. È infatti iniziato il bando di concorso per accaparrarsi i fondi e potranno partecipare tutte le piccole e medie aziende online toscane, o meglio quelle che presentano le caratteristiche imposte dalle clausole. Se non siete supportati da altre grandi aziende, se la vostra testata è di tiratura giornaliera con una media di produzione di almeno 10 pezzi al giorno e il contenuto di essa è al 70% di tipo informativo, allora potrete cominciare la battaglia alla conquista dei fondi.

Le clausole sono diverse ed escludono facilmente molte piccole aziende che non registrano ancora grandi numeri, ma l’iniziativa è sicuramente soddisfacente e stimolante, finalmente qualcuno alle chiacchiere sulla crisi della cultura ha preferito un concreto incentivo al miglioramento della situazione. Speriamo che questo sia solo uno dei primi passi verso la tutela di quel pezzo di pane che nutre le nostre menti. 

Share

About Author

scrivendovolo

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.