Curiosità dal web Rivista — 25 febbraio 2014

Il mondo si è evoluto si sa e continua tutt’ora ad evolversi e purtroppo molti oggetti che appartengono alla categoria antiquariato vengono eliminati dalla circolazione. Eppure, c’è chi a questo distacco con il passato non ci vuole fare l’abitudine e ha deciso di riutilizzare in modo alquanto originale alcuni oggetti che facevano parte del panorama quotidiano fino a qualche anno fa.

Stiamo parlando delle famose cabine telefoniche color rosso accesso, che hanno dato modo a milioni e milioni di persone di poter telefonare grazie alla semplice scheda telefonica, quando il cellulare non era ancora considerato un bene primario.

Ebbene, sono state adibite a biblioteche a portata di tutti.

Insomma stai facendo una passeggiata, ma dentro di te senti che la noia avrà ben presto il sopravvento… pronti, ecco una serie di scaffali colmi di libri, che non aspettano altro che essere letti.

Qualche tempo fa l’architetto newyorkese John Locke aveva deciso di mettere in piedi questo progetto, incontrando purtroppo problemi legati al furto di interi scaffali o di libri e alla difficoltà nel comprendere il funzionamento del bookcrossing; tuttavia, nonostante queste difficoltà iniziali le cabine telefoniche adibite a mini biblioteche di Manhattan hanno preso piede, riscuotendo molti consensi.

Il primato indiscusso delle Telephone booth book si deve però all’Inghilterra , dove le mini librerie sono state inserite in più di cinquanta cabine; ma gli inglesi non si sono limitati a questo, hanno infatti organizzato un biblio-tour completo in giro per il territorio alla ricerca di queste particolari biblio-cabine.

Anche in Svezia e Germania l’idea delle mini biblioteche sembra aver trovato un notevole successo; a Praga invece, alcuni ragazzi hanno deciso di riproporre il progetto delle biblio-cabine a IKEM, un ospedale, in cui i pazienti potranno passare le loro giornate all’interno della struttura più piacevolmente.

E in Italia?

Camilla Lombardozzi

Share

About Author

scrivendovolo

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.