News Rivista — 07 novembre 2012

E se la lettura dei giornali online fosse a pagamento continuerebbero comunque ad esserci dei lettori?

E’ probabilmente la domanda che ha assillato gli ideatori del nuovo progetto di Google. Il colosso sembra convincersi, dopo le pressioni della Federazione Italiana degli Editori di Giornali e dei colleghi francesi e tedeschi, che l’informazione sul web è frutto di un lavoro la cui gratuità ha sminuito la valenza economica che il cartaceo gli riservava, ma soprattutto ha generato una profonda crisi nei sistemi aziendali coinvolti.

Google Wallet for Web Content, questo il nome del progetto, concede alle testate giornalistiche di richiedere un pagamento per le letture effettuate sulla rete.

Il lettore si troverà a versare, attraverso un nuovo processo che prevede una maggiore tutela dei dati di pagamento dei clienti, la modica cifra di 1 dollaro. Inoltre il materiale scaricato potrà essere conservato e recesso, se non soddisfacente, entro 30 minuti dall’acquisto.

I termini del nuovo progetto vanno comunque ben chiariti; le tariffe che Google potrebbe abbinare al servizio non sono infatti ancora svelate. Per ora hanno aderito editori come Pearson e Oxford University Press.

Lo scetticismo nei confronti di questa attività, anche se lecita e motivata, rimane perché il web è un spazio libero in cui l’informazione gratuita continuerà a far gola all’utente. Se è vero che “l’occasione fa l’uomo ladro”, credo che la rete sia un paradiso che perdona ed espia il ladro dal peccato. Perché rubare qui sembra lecito, anzi permesso!

L’opera di convincimento che Google sta intraprendendo potrebbe essere supportata dal forte significato e soprattutto dalle infinite potenzialità che esso esprime.

Per ora confidiamo in una scelta ragionata del lettore e maturiamo l’idea che un valore economico rende in termini pratici il riconoscimento del lavoro che c’è dietro la notizia e l’informazione giornalistica.

Sofia Di Giuseppe

Share

About Author

scrivendovolo

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.