Approfondimenti News Rivista — 12 ottobre 2012

Un autore che “con un realismo allucinatorio fonde racconti popolari, storia e contemporaneità”, con queste parole il segretario dell’accademia reale Svedese ha annunciato la vittoria, dopo un testa a testa serrato tutto Asiatico con il Giapponese Aruki Murakami, dello scrittore Cinese Mo Yan del Premio Nobel per la letteratura 2012.
Per la seconda volta il premio letterario più ambito viene conferito a un romanziere Cinese, era già successo nel 2000 con Gao Xingjian, autore del capolavoro Sorgo Rosso, tradotto in Italia da Einaudi, ambientato alla fine degli anni 20 in una zona prettamente rurale della Cina dove vigono ancora usanze di stampo feudale e dal quale il regista Zhang Yimou ha tratto un film vincitore dell’orso d’oro di Berlino nel 1988.
Mo Yen, pseudonimo di Guan Moye, in Cinese vuol dire colui che parla poco, come tutti quelli della sua generazione, ha vissuto una vita di stenti e fu costretto ad abbandonare la scuola dopo aver conseguito solamente la primaria, per aiutare la famiglia come pastore prima e come impiegato di un cotonificio dopo.
Nel 1976 si arruola nell’esercito ed è qui che nel 1986 riuscirà a prendere la laurea, presso la facoltà di lettere dell’istituto artistico dell’esercito di liberazione Popolare e a specializzarsi con un master alla normale di Pechino nel 1991.
Non molti hanno apprezzato la scelta dell’accademia reale Svedese di attribuire al letterato Cinese non dissidente il nobel per la letteratura, in primis l’artista Ai Waiwei che ha dichiarato inutile il premio assegnato, non per la pochezza delle sue opere, a meno che non si pronunci contro la scarcerazione di Liu Xiaobo, cosa che in passato ha già rifiutato di fare.
Nel 2013 grazie alla casa editrice Einaudi uscirà nelle librerie l’ultimo lavoro di Mo Yen <<Le Rane>> dove all’interno si potranno anche trovare delle critiche al governo Cinese e in special modo alla legge sul controllo delle nascite.

 

Share

About Author

scrivendovolo

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.