News Rivista — 10 gennaio 2013

Cento mostre, cinquecento eventi tra teatro, musica, arti di strada97 comuni coinvolti, 40 cantieri di restauro10 nuovi luoghi della cultura aperti al pubblico, tra cui alcuni musei bellissimi. A fare da cornice a tutto questo, la Provenza, più precisamente Marsiglia, che nel prossimo weekend diventerà l’ombelico del mondo dell’Europa della cultura 2013. Antico porto del Mediterraneo, è oggi la seconda più grande città della Francia. Creata nel 600 a.C. dai Greci, conta 850.000 abitanti e si affaccia sul mar Mediterraneo.

All’inaugurazione parteciperà il primo ministro Francois Hollande, oltre al presidente della Commissione europea Barroso. Hollande prenderà la parola nel Mucem, il nuovo spettacolare museo dedicato alla civilizzazione europea e mediterranea, che si staglierà fra mare e cielo all’ingresso del porto.

Gli eventi da non perdere sono numerosissimi: su tutti vale la pena citare un omaggio alla pittura impressionista, con la grande mostra moltiplicata per quattro “Le Grand atelier du Midi”, che rende omaggio a tutti quegli artisti che rimasero irretiti dalla luce della Provenza. E ancora, durante l’anno, ecco il doveroso omaggio a Le Corbusier che molto operò nel territorio, e a Rodin, ai tesori archeologici di Marsiglia “Méditerranées.

Altra mostra estremamente interessante è quella intitolata “Des grandes cité s d’hier aux hommes d’aujourd’hui”, prima delle mostre simbolo che accompagneranno l’anno. E’ allestita al J1 di Marsiglia, una vecchia stazione marittima convertita ad hoc in spazio espositivo e luogo d’incontro culturale. I visitatori camminano di porto in porto, attraverso undici tappe, da Troia a Marsiglia, passando per la Fenicia e la Grecia di Pericle, la repubblica della Serenissima, l’Andalusia e i regni ottomani alla scoperta dei momenti migliori della storia della civiltà mediterranea.

Per gli appassionati di cinema, da segnalare la riapertura a La Ciotat, dell’Eden, il primo cinema del mondo, aperto proprio dai fratelli Lumiére: per l’occasione sarà possibile rivivere il set della stazione ferroviaria che fu protagonista del primo film al mondo e visitare la casa dei fratelli Lumiere.

Redazione

Share

About Author

scrivendovolo

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.