News Rivista — 23 dicembre 2012

Una lista, 100 “mattoni” in lingua inglese e un blog. Questo è il progetto di Robert Bruce, trentaseienne del Tennessee, scrittore e appassionato di letteratura inglese. Dopo essere stati citati dal Times Magazine questi 100 megalibri inglesi editi dal 1923 in poi sono entrati nella lista di Robert. Il lettore ha voluto aggiungere “Ulysses” al suo progetto e da qui il nome del blog:101 books. Sul sito vengono postati commenti e riflessioni sui libri letti o in lettura e il blogger ha deciso di stilare la lista non in ordine cronologico ma partendo dalla storia più gradita. Riscuotendo da subito l’interesse degli altri blogger, il progetto del signor Bruce ha poi incuriosito Johann Thorsonn che ha ritenuto la notizia degna di essere raccontata su BookRiot con un articolo. Il giornalista confessa di rimpiangere di non aver scoperto il sito tempo prima, quando aveva riscoperto i classici: sarebbe stata una bella “passeggiata con 101 libri”. Il blog si è dimostrato in poco tempo fuori dagli schemi che tutti si aspettavano, stilare una lista ordinata di libri e proporsi di completarla fino in fondo non significa necessariamente mancare di fantasia. I post pubblicati sul sito sono argomentati ma non si limitano alla recensione del libro, lasciando spazio a riferimenti di ogni tipo e impressioni molto personali. Ci si doveva un po’ aspettare questo carattere particolare del sito già dal modo in cui Robert Bruce si presenta con un post, descrivendo la sua vita di marito, padre e maratoneta in poche righe e con tono scherzoso: “Mi piace leggere. Mi piacciono le liste. Mi piacciono i grandi progetti. Mi piace essere un blogger. Perché no?”

Gaia Schiavetti

Share

About Author

scrivendovolo

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.