News Rivista — 30 novembre 2013

La scelta del libro è un momento molto importante per un vero bibliofilo. Quando compriamo un libro, lo facciamo con la consapevolezza che riempirà le nostre giornate per giorni: i suoi personaggi diventeranno nostri amici, la sua trama la nostra seconda casa, le sue parole la nostra coscienza. Anche dopo averlo finito, esso continuerà a parlarci, a raccontarci le sue ragioni, a insegnarci a guardare il mondo da una prospettiva diversa.

Ogni lettore si serve di criteri diversi per la selezione: c’è chi va per autore, chi si lascia suggestionare dalla copertina e chi non può fare a meno di leggere l’ultima frase del libro. Per aiutarvi nella scelta del vostro prossimo acquisto in libreria, abbiamo pensato di raccontarvi la trama di alcune tra le uscite previste per il mese di dicembre. Buona lettura!

-“Il gioco di Ripper”: Isabel Allende torna in libreria, dal 4 dicembre, con un thriller di tutto rispetto. Protagoniste sono le donne dalla famiglia Jackson, Indiana e Amanda, madre e figlia, l’una spirito libero e indipendente, l’altra affascinata dal lato oscuro della natura umana. Brillante e introversa, appassionata lettrice, dotata di un eccezionale talento per le indagine criminali, Amanda si diletta a giocare a Ripper, un gioco online ispirato a Jack the Ripper, Jack lo squartatore. Quando la città è attraversata da una serie di strani omicidi, Amanda si butta a capofitto nelle indagini e scopre, prima della polizia, che i delitti potrebbero essere connessi fra loro. Ma il caso diventa fin troppo personale quando sparisce Indiana…

1

-“L’ombra del sicomoro”: John Grisham ritorna venticinque anni dopo all’ambientazione e alle atmosfere del suo primo romanzo, “Il momento di uccidere”, considerato un classico, di cui questo nuovo legal thriller è il seguito. Il suo protagonista, l’avvocato Jack Brigance, è di nuovo alle prese con una vicenda caratterizzata da discriminazione razziale, ingiustizia e avidità. L’intrigo ha inizio quando Seth Hubbard, un uomo molto ricco, malato di cancro ai polmoni, con due ex mogli, due figli con cui non ha rapporti e un fratello sparito nel nulla da moltissimi anni, decide di impiccarsi a un sicomoro. Il giorno prima scrive di pugno un nuovo testamento nel quale esclude la sua famiglia dall’eredità e lascia tutti i suoi possedimenti a Lettie, l’ignara domestica di colore che lo ha assistito prima e durante la malattia. Spedisce il testamento all’avvocato Brigance, che si trova per le mani un caso davvero scottante. In libreria dal 3 dicembre.

2

-“Luis Roldán né vivo né morto”: Pepe Carvalho, l’eroe frutto della penna di Manuel Vázquez Montalbán, torna a indagare. Questa volta si presentano nel suo ufficio tre individui che lo incaricano di ritrovare Luis Roldan, ex capo della Guardia Civil e delegato del governo in Navarra del PSOE. I tre dichiarano di essere di Saragozza, di essere appassionati cacciatori e di avere affidato a Roldan i loro averi, accumulati in modo non propriamente legale, per acquistare una tenuta di caccia in Kenya. Affiancato dal fido Biscuter, Carvalho cercherà il fuggiasco fin nelle viscere della città…

3

-“La voce degli uomini freddi”: Mauro Corona racconta di un paese lontano, sperduto tra le montagne, fatto di anime solitarie appese alle rocce, dove nevica in ogni stagione dell’anno, dove la gente ha la faccia bianca di chi sta sempre al chiuso e il carattere silenzioso e gelido delle nevicate. Lassù vivono donne e uomini soffiati nella neve, statue di ghiaccio che nessun fuoco potrà mai scogliere. Si allenano a resistere alla vita sfidando le avversità, il freddo, le difficoltà di coltivare la terra, il pericolo delle valanghe. Ogni sera si riuniscono accanto alle stufe e i vecchi, a voce bassa, cantano ai giovani i fatti che hanno accompagnato le loro giornate. In libreria dal 3 dicembre.

4

Share

About Author

scrivendovolo

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.