Approfondimenti Rivista — 08 dicembre 2012

“Ogni grande opera letteraria è allegorica; allegorica sotto un certo aspetto dell’intero universo. L’Iliade è grande solo perché la vita di tutti è una battaglia, l’Odissea solo perché la vita di tutti è un viaggio, il libro di Giobbe perché la vita di tutti è un enigma”.

(Gilbert Keith Chesterton, nell’imputato, 1901)

Qualche tempo fa abbiamo parlato della fondamentale importanza delle librerie e delle biblioteche per far capire quanto fosse necessario un sistema bibliotecario Nazionale al fine di consentire una crescita culturale e un accesso maggiore alla pluralità delle informazioni.

Ebbene, in America, veniva organizzata la “Small Business Saturday“, ovvero un’iniziativa promossa dalla Casa Bianca, in cui si incoraggiavano i cittadini americani a comperare in quei graziosi negozi a conduzione familiare, soprannominati “mom-and-pop business”, i regali di Natale per i propri parenti.

Molti di questi erano librerie, allo scopo di educare di più gli americani alla lettura e al bene che può fare, una sorta di incipit per i giovani, per invogliarli, appunto, ad immergersi letteralmente nei libri.

A tale iniziativa ha voluto prendere parte anche il Presidente degli Stati Uniti d’America, Barack Obama, il quale, un sabato pomeriggio, ha portato le figlie Malia e Sasha ad Arlington, in Virginia, a comperare i regali di Natale in una piccola libreria locale. Una quindicina di libri, rigorosamente selezionati dalle fanciulle, sono stati acquistati sotto la supervisione del papà.

Come definirla? Una mossa di marketing molto astuta per invitare a comperare romanzi? Un’americanata stile film hollywoodiano? Sicuramente ha lanciato un forte messaggio al popolo degli Stati Uniti sull’importanza della letteratura e, soprattutto, ha reso possibile un paragone immediato con l’Italia.

Mentre nel nostro paese si da maggior importanza a come i politici pensano a farsi le scarpe l’uno con l’altro, uno dei problemi fondamentali, oltre a quello della crisi, è quello riguardante la situazione delle librerie e le biblioteche italiane, passato colpevolmente in secondo piano.

Perché non è stata proposta un’iniziativa di così grande spessore anche in Italia, dove la letteratura sta pian piano perdendo il suo valore sociale, culturale e storico?

Camilla Lombardozzi

Share

About Author

scrivendovolo

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.