News Rivista — 13 gennaio 2013

“Questo Gennaio celebriamo il duecentesimo anniversario di un classico intramontabile che ha incuriosito e ispirato scrittori e registi. “Orgoglio e pregiudizio” è pronto a festeggiare il suo compleanno, assaporando il sapore della fama ancora viva e portando alto il nome dell’autrice. Nonostante Jane Austen fosse una scrittrice abilissima e nonostante sia letta ancora soprattutto da giovani, non tutti sembrano amare il suo gioiellino. Scrittori di ogni nazionalità hanno commentato il lavoro e alcuni di essi hanno formulato un giudizio non proprio positivo. Virginia Woolf preferiva di gran lunga la Brontë, mentre Mark Twain si arrabbiava addirittura leggendo i lavori della Austen. Troppo manieristico e poco interessato alle guerre e rivoluzioni del tempo ha definito il romanzo Winston Churchill e la stessa Brontë lo ha trovato “ordinario”. Avreste mai pensato che un classico così ricercato, mai tramontato avesse dei veri “haters”? Eppure sembra proprio che queste illustri personalità non abbiano trovato nel romanzo nulla di stimolante e fuori dalle righe, l’eccesiva normalità è la qualità che meglio gli si addice. Ai lettori la scelta di amare o odiare il capolavoro della Austen e celebrare o meno la nascita di un successo inarrestabile.

Gaia Schiavetti

Share

About Author

scrivendovolo

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.