Pagine culturali FB Rivista — 21 novembre 2013

L’appuntamento odierno con la nostra rubrica dedicata alle più belle pagine facebook dedicate all’universo dei libri è davvero succulento. “Che passione leggere” è una pagina dal seguito notevole, e assolutamente meritato. Abbiamo contattato le amministratrici che ci hanno concesso questa interessante intervista:

https://www.facebook.com/pages/Che-passione-leggere-di-Adriana-Giacalone/206935159317983?fref=ts

  • Da dove nasce l’idea di creare una fan page dedicata agli appassionati di lettura?

L’idea nasce dalla fondatrice Adriana Giacalone, appassionata “ divoratrice “ di libri, così come Simona e la sottoscritta: mossa dalla grande voglia di condividere e interagire con chi ha la stessa esigenza, perché proprio di questo si tratta. Inizialmente, pensava di condividere la pagina solo con pochi amici e conoscenti. Pertanto, è stata una piacevole scoperta trovare così tante persone interessate e vedere  crescere costantemente il numero degli iscritti.

  • Qual è lo scopo della vostra pagina?

Lo scopo della pagina è avvicinare, incuriosire ed, auspicalmente,  appassionare alla lettura .

  • Da quante persone viene gestita?

Viene gestita da tre amministratori: Adriana Giacalone, Simona Masera e Claudia Muscolino.

  • In che modo pensate sia possibile alimentare una passione come quella per la lettura tramite una pagina social?

Nel nostro caso è fondamentale scatenare la scintilla della curiosità in chi si avvicina alla pagina. Può esserci il  lettore abituale ma anche chi, semplicemente, si iscrive perché colpito da un’immagine o da una frase. Insomma, varie tipologie di persone: è importante tener conto di questo e cercare di suscitare l’interesse in tutti.

  • Come può una pratica individuale diventare condivisa?

Attraverso la conoscenza di una passione. Piuttosto che di una pratica individuale, ci sembra più opportuno parlare, appunto, di una passione comune,: come tale può essere diffusa, conosciuta, apprezzata e, infine, condivisa.

  • Come scegliete i contributi da far vedere ai vostri fan?

Seguiamo le preferenze di ognuna di noi, sempre tenendo conto di quanto è variegato il nostro seguito.

  • Perché, nell’immensità delle pagine face book, un appassionato di lettura dovrebbe scegliere la vostra?

Siamo convinte che chi incontra la nostra pagina, e la sceglie tra tante altre, lo fa perché percepisce la partecipazione e l’impegno che noi mettiamo nel comporla, giorno dopo giorno, in maniera diversa articolandola sempre con nuovi suggerimenti. Non è semplicemente un elenco di post messi tanto per riempire  un contenitore vuoto, bensì l’intento è quello coinvolgere le persone anche con album di vasto interesse, come quello dedicato ai premi Nobel per la letteratura – così come ai premi Campiello e Strega – oppure quello riservato alle dimore dove hanno vissuto gli scrittori più famosi.

  • Anche ScrivendoVolo ha una pagina face book (https://www.facebook.com/scrivendovoloweb?fref=ts) e ne esprime un’altra intitolata “Leggere è Rock”. Pensate che la passione per la lettura sia ormai fuori tempo e fuori moda, o possa ancora rappresentare un valore aggiunto per ognuno di noi? Se sì, in che modo?

Sicuramente la passione per la lettura rappresenta un valore aggiunto: arricchisce ognuno di noi, oggi più come mai. In un tempo in cui tutto quel che facciamo è governato dalla velocità e, sovente, dalla superficialità, prendersi tempo per leggere è un atto d’amore verso noi stessi e le generazioni future. Poter viaggiare nell’animo di chi scrive, in mondi, tempi e spazi inesplorati non può che essere fonte di ricchezza.

  • Essendo espressione diretta di una realtà nata grazie alle nuove tecnologie, cosa pensate di innovazioni come i libri digitali?

Sicuramente i libri digitali avranno una grande diffusione. Sono più economici e, in moltissimi casi, più pratici di quelli tradizionali: ma, al contempo, pensiamo che non potranno sostituire mai completamente la carta stampata. Poter toccare un libro, sfiorarlo, annusarlo, sentirlo ” nostro ” è un insieme di sensazioni che fanno parte di un amore vero e proprio che non può esimersi dalla fisicità.

  • Gli ultimi dati riguardo il numero di lettori, specie giovanissimi, sono sconfortanti, cosa pensate sia possibile fare per coinvolgerli maggiormente fin dalla tenera età?

Per avvicinare i bambini ed i ragazzi alla lettura gli strumenti principali restano la famiglia e la scuola. Al giorno d’oggi i giovani ed i giovanissimi sono letteralmente bombardati  da stimoli multimediali che, apparentemente, risultano ai loro occhi assai più invitanti e meno faticosi rispetto alla lettura di un libro. Per questo, oltre alla famiglia ed alla scuola, i social network possono rivestire un ruolo importante nell’indirizzare l’attenzione di alcuni verso la lettura, sia pure in minima parte.

  • Quali sono gli obiettivi futuri che vorreste conseguire con la vostra fan page?

Non ci siamo prefisse un obiettivo preciso:  la cosa che ci sta a cuore è di non deludere chi ci segue, continuando l’attività della nostra pagina seguendola con lo stile, l’entusiasmo e la passione di sempre.


Share

About Author

scrivendovolo

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.