Senza categoria — 06 maggio 2013

Esistono alcuni luoghi al mondo in cui ogni sampietrino, ogni marmo, ogni affresco pullula di storia, cultura e tradizione. L’Italia è un Paese in cui di questi luoghi ce ne sono, per fortuna, decine e decine. E in una città in particolare, passare la mano su una colonna di marmo significa passare il palmo sulle ossa della storia del mondo, della civiltà che, insieme a quella greca, ha dato i natali al mondo Occidentale: Roma.

La città eterna è un museo a cielo aperto, sebbene il nostro Paese non brilli per la capacità di tutelare i propri patrimoni artistici. Fortunatamente, baldacchini a parte, faide tra gladiatori a parte, usura e degrado di opere pubbliche a parte, la fama e il fascino della capitale del mondo sono intramontabili, e Roma, con le sue bellezze, rappresenta un esempio concreto di come in Italia i beni artistici si “vendano” da soli.
In molti altri paesi del mondo si effettuano veri e propri pellegrinaggi da tutto il mondo per ammirare qualche particolare patrimonio, e le relative istituzioni provvedono p

untualmente, non sono a tutelarli, ma soprattutto a metterli nella condizione di essere ancor più “unici”, arricchiti da iniziative e da servizi integrati ad essi che agevolano il turismo. In Italia, purtroppo, questo non succede, e ci sono dei luoghi, come Roma, che attirano turisti naturalmente ma le istituzioni fanno poco o nulla per supportare la loro inestimabile bellezza e spendibilità internazionale.

L’invito è quello di incentivare la tutela di questi patrimoni, che rendono il nostro paese ricco di cultura e di luoghi caratteristici ed emozionanti. Per i turisti, invece, il consiglio è di continuare a visitare in modo massiccio l’Italia, Roma in primis, e se vi dovesse servire un hotel a Roma venere.com/it/italia/roma

 

Share

About Author

scrivendovolo

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.