News Rivista — 23 febbraio 2013

Le librerie indipendenti americane si scagliano contro i Digital Rights Management (DRM) di Amazon. Il colosso della distribuzione online ha infatti impedito agli utenti di scaricare gli e-book su un dispositivo diverso dal Kindle. Questo monopolio ha fortemente ridotto le possibilità degli altri concorrenti del mercato. I clienti che hanno acquistato l’e-reader prodotto dall’azienda di J. Bezos possono quindi scegliere solo i titoli forniti dal vasto portale di Amazon. Tale manovra ha permesso alla multinazionale di Seattle di conquistare il 60% della domanda.

Il giudice distrettuale di New York ha accolto le lamentele delle librerie indipendenti scagliatesi contro Amazon e i “Big Six” dell’editoria (Random House, Penguin, Hachette, HarperCollins, Simon & Schuster and Macmillan).

Anche questo episodio è avvenuto nella stessa corte che affrontò il caso anti trust avviato dal Dipartimento di Giustizia (DoJ) statunitense a fronte del cartello sul prezzo degli ebook.

È necessaria una risposta immediata all’insoddisfazione, ma soprattutto alle difficoltà delle librerie indipendenti.

Share

About Author

scrivendovolo

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.